In migliaia al Sambodromo che si trasforma in un’arena politica