I lavoratori affetti dalla sindrome delle apnee notturne sono soggetti a rischio di infortunio lavorativo doppio rispetto ai non affetti. A evidenziarlo è un recente studio condotto dall’INAIL, Dipartimento di medicina, epidemiologia, Igiene del lavoro e ambientale.