Per dose ‘booster’ a sei mesi in particolari categorie a rischio