Il sovrintendente risponde agli attacchi di alcune sigle