In chi ha già avuto un attacco cardiaco. Studio su 2500 pazienti