Una proposta per coniugare mobilità dei sardi e mercato libero