Casirivimab e imdevimab riducono probabilità ospedalizzazione