Istituto di Medicina Generale analizza cinque studi