L’internista, “rivedere il concetto in un’ottica di riabilitazione”