Lo firmano gli archeologici Momo Zucca e Giacomo Paglietti