Pubblicata su Nature Communication la ricerca del gruppo di Andrea Crisanti