Con il medico nucleare a fianco dell’urologo