All’ospedale di Piacenza grazie al contributo di amici e parenti