L’ECHA ha reso pubblico il database in progress sulla presenza di sostanze preoccupanti negli articoli commercializzati ed è ora liberamente consultabile.