L’eruzione catastrofica del vulcano Hunga Tonga-Hunga Ha’apai nel Pacifico meridionale ha provocato onde di tsunami che hanno raggiunto anche le coste del Perù. il 15 gennaio, a poche ore dall’eruzione, una marea nera ha invaso un ampio tratto di costa a nord della capitale, Lima. Causa di quello che le autorità peruviane hanno definito “un disastro ambientale senza precedenti” è il petrolio grezzo liberatosi in mare mentre la petroliera di bandiera italiana “Mare Dorium” era intenta in operazioni di scarico al terminale della Refinería La Pampilla, proprietà della società Repsol S.A.