Studio, migliorerebbe le risposte immunitarie specifiche