Ma resta il rischio di nuove mutazioni