Faccia a faccia prolungato mette a rischio famiglie e sanitari