Violenza contro gli operatori sanitari. Martedì 12 marzo, in occasione della “Giornata nazionale di educazione e prevenzione contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari e socio-sanitari“, sono stati presentati nella sede del Ministero della Salute, i dati dell’Osservatorio nazionale sulla sicurezza degli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie – ONSEPS e dell’Inail. Alla presenenza del ministro della Salute Orazio Schillaci e del commissario Inail Fabrizio D’Ascenzo.

Riportiamo una sintesi dei dati in elenco. Oneps:

  • 16mila aggressioni nel 2023;
  • 18mila operatori coinvolti;
  • donne coinvolte nei 2/3 dei casi;
  • in primo luogo infermieri, poi medici e OSS;
  • aggressori in maggioranza pazienti e utenti;
  • luoghi più a rischio Pronto Soccorso e aree degenza;
  • 26% delle aggressioni fisiche e 68% verbale.

Inail:

  • 2.43 denunce di violenza e aggressione nel 2022, +14%;
  • in gran parte violenza proveniente da persone esterne ai luoghi di lavoro;
  • circa 6mila casi di violenza nel triennio 2020-22, incidenza del 41% sull’intero comparto industria e servizi;
  • vittime nel 70% dei casi donne;
  • circa il 40% donne tra i 50 e i 64 anni:
  • tecnici della salute 41% dei casi, 27% professioni qualificate nei servizi sanitari e sociali, 13% servizi personali e assimilati;
  • un terzo dei casi è avvenuto nel Nord-Ovest;
  • 59% dei casi ha provocato una contusione.

FONTE: QUOTIDIANO SICUREZZA

L’articolo Violenza contro gli operatori sanitari, dati Oneps e Inail proviene da Quotidiano Sicurezza.