Casi reali potrebbero essere il doppio di quelli segnalati